giovedì 10 agosto 2017

Una serata al Museo

Con il desiderio di acculturarmi, riscattando l’ultima tragica visita alle sale di arte moderna, decido di presentarmi nel cortile interno del Museo che ospita l’evento di questa sera.
La location è splendida, trattasi delle sacre mura che ospitano la “sala dell’Eneide”, visitata nel passato dal Sig. Goya e nel presente da più annoiati e rumorosi astanti.

E’ martedì sera, abitando nelle vicinanze parto da casa soltanto 20 minuti prima, sicuro di non fare tardi.
L’evento culturale si dividerà in due parti : nella prima verremo messi alla prova ascoltando la declamazione di poesie persiane, nella seconda ci sarà la “visita sensoriale guidata”, per ammirare le nuove acquisizioni di arte moderna.

“Visita sensoriale guidata”.. ricordate queste parole.

Io intanto sono in cerca di un posto auto, anche in verticale o su 3 ruote, basta che possa fermare la macchina ad una distanza umana per poi raggiungere brevemente il Museo.

Illuso.

Trovare un parcheggio a quest’ora lungo le mura del centro storico è facile come vedere un adolescente senza telefonino in mano e cuffie in testa.
Superate comunque queste piccole difficoltà iniziali mi presento all’entrata principale e mi fermo un minuto ad osservare.
Deliziosi punti luce illuminano sapientemente statue, pareti, balconate e colonne, creando la giusta atmosfera di uno sfarzoso storico passato.
Intanto tre signorine vestite tutte di nero e con una targhetta appesa sulla giacca mi guardano malissimo, tra il serio ed il sorpreso.
Soltanto ora mi rendo conto di avere una buona mezz’ora di ritardo e prima di entrare mi do una controllata, come se avessi lo specchio davanti.
Sudo come una capra, complici i 35°C , un clamoroso livello di umidità e una certa tensione che sicuramente non aiuta.
I pantaloni neri reggono, le scarpe, sempre nere, le ho pulite bene e la camicia grigia ancora non mostra temibili aloni di sudore.

Entro e davanti a me si apre il bel cortile interno, allestito per l’occasione con sedie e palco per il poeta e il suo accompagnatore musicale.
Fortunatamente ci sono ancora posti liberi e così mi accomodo velocemente, passando tra le persone sedute con l’agilità di un elefante in cristalleria.
Appena seduto ricevo il solito squillo dall’amico Mr. Simpatia, che non vuole spendere soldi al cellulare e mi stimola a richiamarlo.
Venti persone si girano all’istante fissandomi con il desiderio di incenerirmi ed io, rosso come un gambero, sospetto di non aver attivato la funzione “silenzioso”.

Tornata la quiete mi accingo finalmente ad ascoltare poetici versi, svuotando la mente da brutti pensieri.
Il tempo scorre piacevolmente, la voce del poeta è calda e musicale ma la mia ignoranza non permette di apprezzare appieno i contenuti e la forma delle sue parole.
Forse c’è qualcuno che sta peggio di me, guardandomi intorno noto infatti un signore che sussurra due parole alla probabile compagna la quale, con una smorfia di disapprovazione, si alza e i due si allontanano definitivamente dalla scena.
Alla mia sinistra invece un signore si è sbracato sulla sedia con i piedi appoggiati su quella davanti e riposando gli occhi scende in una profonda meditazione (dorme).
L’applauso finale riporta tutti ad una perfetta coscienza e sancisce la fine della prima parte della serata.

Non avrei mai immaginato cosa sarebbe successo di lì a pochi minuti..

«Ora lo staff vi accompagnerà all’interno del Museo, tra le nuove acquisizioni di arte moderna, per la “visita sensoriale guidata”»

Qualche ospite si mostra timoroso, forse per la stanchezza e il caldo, altri sembrano poco convinti e quasi disturbati dall’annuncio.
Nel frattempo, sulle balconate superiori, illuminate ad arte, cominciano a muoversi bianche figure femminili coperte di veli.
Fa parte dello spettacolo che sta per iniziare e sembrano una via di mezzo tra fantasmi e fate misteriose.

Siamo rimasti un gruppetto di una ventina di persone e veniamo invitati a salire i due piani di scale che ci faranno raggiungere le sale da visitare.
La mezzanotte è vicina.
Quando arriviamo al secondo piano una mostruosa bolla di caldo umido ci avvolge, complice l’assenza di finestre ed ovviamente climatizzazione.
Siamo sofferenti, c’è chi si lamenta palesemente del caldo insopportabile e torna sui suoi passi, chi rimane ancor più dubbioso e chi come me, che già sudava come una capra, comincia a scolare bagnando la camicia come dopo un gavettone al mare di ferragosto.

Inizia la “visita sensoriale” e subito intorno al gruppetto compaiono le bianche figure femminili del terrazzo: sono ragazze seminude, pitturate di bianco, con costumi bianchi e veli bianchi, con movenze simili a quelle di Gollum quando cerca il suo “tessoro”.
Una di queste ragazze comincia a parlare a voce alta in spagnolo, facendo sobbalzare non poche persone, esprimendosi in una via di mezzo tra una persona posseduta ed una sibilla cumana mbriaca.
La gestualità è altrettanto curiosa, movimenti lenti del corpo vagamente somiglianti a danze arabe.
Ci si sposta nelle prime sale, il caldo è atroce e la vista quasi annebbiata.
C’è anche una accompagnatrice “umana”, nel senso che parla italiano e si capisce abbastanza quello che dice, inizia a spiegarci le nuove acquisizioni di arte moderna del Museo.
Che ve lo dico a fare, si tratta di quadri, busti, “sedie” e altre robe strane che fatico a mettere a fuoco, in tutti i sensi.
In una mezz’oretta percorriamo tutte le sale e incontriamo altre fatine ignude, c’è chi è truccata come nosferatu, chi striscia in terra come un serpentello e chi si fissa a guardarti negli occhi, immobile a 5 cm di distanza.
Noto che qualcuno si è staccato dal gruppo, sperando in una fuga o almeno di trovare un filo di aria fresca respirabile.

L’ultima sala è ormai vicina ed è qui che l’esperienza si completa : dalla filo-diffusione esce un suono rauco, continuo, leggermente modulato, ciò che dovrebbe assomigliare alle parole di un sacro rito di civiltà passate.
I sopravvissuti, provati, assetati e storditi, ascoltano basiti questo rutto di tre minuti e mezzo di durata, che nemmeno con 12 bottiglie di coca-cola si riuscirebbe a fare.
Io ormai non ho più reazioni, sto pensando alla smodata quantità di acqua che berrò e alla possibilità di tuffarmi vestito nella fontana di piazza.

L’accompagnatrice ci ringrazia, ci saluta e noi tutti torniamo a riveder le stelle, certi che il nostro bagaglio culturale si sia arricchito con questa mirabolante moderna avventura.